modellismo, navale,
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
Chi è in linea
In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 76 il Mer Mag 13, 2015 2:07 pm
Ultimi argomenti
» Trofeo Nave Artiglio
Ven Apr 29, 2016 5:06 pm Da mozzo

» Buona Pasqua
Dom Mar 27, 2016 7:24 am Da santos

» Buon Anno a tutti
Ven Gen 01, 2016 1:11 pm Da vagelischantziaras

» Buon Natale
Sab Dic 26, 2015 4:33 pm Da santos

» Le Requin sc. 1/48
Dom Nov 29, 2015 2:16 pm Da mozzo

» Auguri Francesco
Ven Set 18, 2015 5:31 am Da santos

» Gozzo Ligure
Ven Ago 07, 2015 3:59 pm Da santos

» Buon Compleanno
Mer Giu 03, 2015 8:38 pm Da santos

» mnostromo63 mi presento
Mar Giu 02, 2015 7:52 pm Da santos

» Campionati Italiani di Modellismo 2015
Mer Mag 27, 2015 1:30 pm Da mozzo

Argomenti più attivi
Le Requin sc. 1/48
Gozzo Ligure
Galleria di Bruno Belli
Mario Tibollo - mi presento
Tartana in scala 1:80
Campionati Italiani di Modellismo navale
Buongiorno !!! gino arcuri
Campionati Italiani 2014
Tartana Santos
Galleria di Marini Claudio
Parole chiave
FACEBOOK


FACEBOOK
ARCHMODELSHIP


Condividere | .
 

 Costruire l'ancora in scala 1:40 (Santos)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
santos
Utente Attivo
avatar

Messaggi : 431
Data d'iscrizione : 07.03.13
Età : 55
Località : Guidonia Montecelio

1
MessaggioTitolo: Costruire l'ancora in scala 1:40 (Santos)   Dom Mar 17, 2013 4:26 pm

Durante la fase di realizzazione della mia Tartana, era giunta la necessità di realizzare le ancore.

Ho iniziato con lo studio per cercare di comprendere come sia fatta e quali proporzione deve avere rispetto al modello che sto realizzando, questa come tutte le altre cose che sto facendo sono delle novità per me dato che non le ho mai realizzate prima di ora anche se conosco benissimo che queste sono parti che si trovano comunemente in commercio come ad esempio l’ art.4020 dell’ Amati a 2,2 euro già bella e fatta come questa:



La mia filosofia di modellista però mi vieta di acquistare oggetti già fatti.
Il lavoro di studio e realizzazione è stato molto lungo, devo ringraziare il nostro amico Francesco ( Mozzo) per l’ aiuto che mi ha dato con alcune informazioni.
Una volta realizzata l’ ancora ho deciso di rendere tale mio sistema visibile a tutti coloro che ne volessero prendere spunto, proprio perché penso che “ colui che crede di sapere sicuramente non sa” e scambiare con voi questo mio scritto si possa vincere la diffidenza e credere che l’ unione di tutti fa la forza.
Ma torniamo all’ argomento in essere.
Dopo aver letto vari testi anche con l’ ausilio di un traduttore online posto questa immagine che penso sia più eloquente di 1000 parole



In questa immagine si possono vedere tutte le proporzione che deve avere un’ ancora, ora devo legarla alle proporzioni del mio modello, durante i miei studi ho trovato anche queste e le descrivo qui di seguito:
- L’ asta dell’ ancora è uguale a 3/9 del baglio maggiore, il ceppo è uguale all’ asta.
- Le marre dal centro del diamante devono formare un angolo di 115°.
- Il diametro dell’ anello della catena dell’ ancora è uguale al prodotto del baglio maggiore moltiplicato per 4millesimi.
Sulla base di quanto sopra posso ora disegnare con CAD la mia ancora.



Ovviamente durante la mia ricerca ho trovato anche altre informazioni che le reputo interessanti per completare questa realizzazione:



Per la realizzazione fisica dell’ancora ho usato una lastra di rame da 1mm di spessore dato che era quello che avevo in casa anche se in realtà mi serviva uno spessore pari a 2mm, vuol dire che farò un doppio lavoro ma sostanzialmente la tecnica non cambia.
Dal disegno realizzato con il CAD prendo solo la vista di fronte e le due orecchie, stampo la selezione su carta adesiva e la posiziono sulla mia lastrina di rame da 1mm, con il traforo elettrico, dopo aver montato una lama per metalli n°0, inizio a tagliare il contorno.



Una volta terminata questa fase di taglio posso passare a quella di assemblaggio delle varie parti; per prima cosa devo prendere due forme e saldarle insieme questo per avere lo spessore di 2mm dato che come ho detto avevo solo rame da 1mm di spessore.
Per fare questo ho stagnato le due facce che dovranno combaciare tra loro dopo di che le ho unite tra di loro aiutandomi con dei morsetti in maniera che non si muovessero e con un saldatore ad aria calda (per questo lavoro va bene anche una pistola a caldo per sverniciare) ho direzionato il flusso d’ aria calda lungo il perimetro della forma e lo stagno fondendosi ha unito le due parti ed uscito lungo il bordo la quantità in eccesso, come si può vedere da questa foto:



Ho realizzato i due fori che mi serviranno alla fine e con le lime ho iniziato a modellare e dare forma a questo pezzo grezzo secondo il disegno e l' idea che mi ero fatto nella mente.



Una volta sfinate le marre con la lima e data la giusta forma devovo saldare su di esse le due orecchie, anche in questo caso mi aiuto con dei morsetti per mantenerle nella giusta posizione inoltre ( in questo mio caso specifico dove la forma principale è data da due pezzi uniti assieme) aggiungo altri due morsetti per far si che durante la saldatura delle orecchie non si spostino le due forme prima saldate.
Se la forma principale era stata realizzata con un materiale già a misura (2mm) questa operazione non serviva farla.



Ora sempre con il saldatore ad aria, saldo i due pezzi e attendo che si raffreddino.
Si usano nuovamente le limette per gli ultimi ritocchi e finalmente si arriva alla conclusione



Guardandole dal vivo sono soddisfatto del mio lavoro mi piacciono veramente.
Ora dovevo realizzare il ceppo e potevo trattare le due ancore per dargli il nero.
Il trattamento deciso è quella della zincatura nera non so come verrà ma dato che devo fare dei test approfitto per usare le due ancore come cavie anche se mi dispiacerebbe rovinarle ma sono fiducioso.
Un paio di giorni di tentativi e alla fine il risultato è giunto.



Le ancore sono terminate; il loro costo: considerando il tempo, il rame ecc ecc molto più di 2,2 euro , ma la soddisfazione di aver capito e nello stesso tempo averle realizzate non ha prezzo.

Sandro













_________________
Colui che crede di sapere, sicuramente non sà
Tornare in alto Andare in basso
Carmine

avatar

Messaggi : 86
Data d'iscrizione : 13.03.13

2
MessaggioTitolo: Re: Costruire l'ancora in scala 1:40 (Santos)   Lun Mar 18, 2013 8:04 pm

Ciao Sandro , complimenti per le tecniche da te descritte ,molto istruttive , la zincatura mi intriga come hai fatto???
Ciao Carmine

_________________

Tornare in alto Andare in basso
santos
Utente Attivo
avatar

Messaggi : 431
Data d'iscrizione : 07.03.13
Età : 55
Località : Guidonia Montecelio

3
MessaggioTitolo: Re: Costruire l'ancora in scala 1:40 (Santos)   Mar Mar 19, 2013 8:33 pm

Ciao Carmine è un tipo di trattamento elettrolitico che ho studiato durante la mia crescita passata nel mondo del fermodellismo, quindi la zincatura, la stagnatura e la ramatura, cose che faccio, si basano tutte e tre sullo stesso concetto il passaggio della corrente nel componente principale ( zinco o rame o stagno) dall'anodo (polo positivo) verso il catodo (polo negativo) dove è posto l'oggetto da trattare in una soluzione acquosa particolare.



Questa immagine è solo da esempio per far capire meglio cosa sto dicendo.
Un' avvertenza è che è abbastanza nocivo quindi va fatto in ambienti molto ventilati.
Io ho la fortuna di conoscere un grande amico che ha proprio una ditta di galvanica e quindi mi appoggio spesso a lui per consigli e per lo smaltimento di quel poco di prodotto che uso per i miei piccoli oggetti.
Un saluto
Sandro

_________________
Colui che crede di sapere, sicuramente non sà
Tornare in alto Andare in basso
marini claudio

avatar

Messaggi : 49
Data d'iscrizione : 13.03.13
Età : 56
Località : Dalmine (BG)

4
MessaggioTitolo: Re: Costruire l'ancora in scala 1:40 (Santos)   Gio Mar 21, 2013 9:14 am

Ciao Sandro , che eri bravo lo sapevo, ma il piccolo chimico no , non ho mai provato a zincare , però ho provato con il percloruro a togliere il rame.
Sempre meglio.

_________________
Ciao Claudio cheers

Non è perchè le cose sono difficili che non osiamo, è perchè non osiamo che sono difficili.
(Seneca)
Tornare in alto Andare in basso
Carmine

avatar

Messaggi : 86
Data d'iscrizione : 13.03.13

5
MessaggioTitolo: Re: Costruire l'ancora in scala 1:40 (Santos)   Sab Mar 23, 2013 9:39 am

Ciao Sandro ,grazie per la risposta , mi chiedo se del acido muriatico e un trasformator da 12V possa bastare per fare delle piccole prove??

Ciao Carmine.

_________________

Tornare in alto Andare in basso
santos
Utente Attivo
avatar

Messaggi : 431
Data d'iscrizione : 07.03.13
Età : 55
Località : Guidonia Montecelio

6
MessaggioTitolo: Re: Costruire l'ancora in scala 1:40 (Santos)   Dom Mar 24, 2013 6:47 am

Si Carmine, il trasformatore deve avere un bel pò di corrente e poi mi raccomando adotta tutte le precauzioni di sicurezza possibili, quindi luogo ventilato, guanti ecc ecc
Un saluto
Sandro

_________________
Colui che crede di sapere, sicuramente non sà
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




7
MessaggioTitolo: Re: Costruire l'ancora in scala 1:40 (Santos)   

Tornare in alto Andare in basso
 

Costruire l'ancora in scala 1:40 (Santos)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

 Argomenti simili

-
» Il Presepe - Diario di costruzione n°3 (nostromo61) *** TERMINATO ***
» Casa scala 1/87
» F-104 G/S scala 1:32 - ITALERI
» Il mio primo cantiere navale, Amerigo Vespucci, scala 1/100 DeA
» Elettra - modello in scala 1:96

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Arch Model Ship :: MODELLISMO STATICO & DINAMICO :: Navimodellismo :: TEMATICHE :: COME FARE-